Cosa stai cercando?

Inizia a digitare per cercare un prodotto

Cerca

Coltivazione idroponica, la rivoluzione sostenibile dell’agricoltura

10 Agosto 2023 | Approfondimenti

coltivazione idroponica

L’agricoltura idroponica è un metodo innovativo di coltivazione che sta conquistando rapidamente l’attenzione di esperti e neofiti di tutto il mondo. Si basa sull’uso di acqua e nutrienti, senza l’impiego di terra. È un approccio promettente perché promuove una produzione alimentare sostenibile e di qualità, minimizzando gli sprechi e ottimizzando le risorse disponibili. Vediamo quali sono i principi fondamentali della coltivazione idroponica, gli strumenti all’avanguardia necessari per implementare con successo questo sistema di coltivazione e i vantaggi e gli svantaggi che derivano dalla sua applicazione nel settore agricolo.

Coltivazione idroponica: cos’è?

Che tu sia un esperto agricoltore o un principiante, avrai sicuramente sentito parlare dell’idroponica. Ma che cos’è la coltivazione idroponica? È un metodo agricolo che si basa sulla coltivazione delle piante “fuori dal suolo”, ovvero senza l’impiego di terreno, con l’uso esclusivo di acqua ed elementi nutritivi, che permettono ai vegetali di crescere rapidamente e con una minore incidenza di attacchi di patogeni quali funghi e batteri, con conseguente minor impiego di prodotti per la difesa delle piante.

Il significato di “idroponica” – termine che deriva dalle parole greche “hydro” (acqua) e “ponos” (lavoro) – sottolinea l’importanza dell’acqua come elemento fondamentale per la crescita delle piante. Nelle coltivazioni idroponiche, infatti, il terreno è sostituito da un substrato costituito da zeolite, fibra di cocco, lana di roccia oppure da argilla espansa. Le piante affondano le radici in questo substrato e, successivamente, ricevono le sostanze nutritive di cui hanno bisogno per crescere, le quali vengono disciolte nell’acqua che viene utilizzata per irrigarle.

Nello specifico, la coltivazione fuori suolo può essere effettuata secondo due modalità:

  • coltivazione idroponica con substrato: zeolite, fibra di cocco, lana di roccia o argilla espansa vengono inumidite con acqua e irrigate insieme ad altre sostanze nutritive;
  • coltivazione idroponica senza substrato: le radici delle piante sono immerse direttamente nella soluzione nutritiva, una miscela composta da acqua e sostanze disciolte.

Esistono diverse tipologie di coltivazione idroponica, ciascuna con le sue peculiarità e applicazioni specifiche:

  • serra idroponica: questo metodo implica l’utilizzo di serre o strutture protette per coltivare piante idroponiche in ambienti controllati. Le serre consentono di gestire la temperatura, l’umidità e la luce, creando un ambiente ideale per la crescita delle piante durante tutto l’anno. Grazie all’isolamento che sono in grado di assicurare, riducono al minimo l’ingresso di parassiti e malattie, permettendo una produzione di alta qualità e prevenendo la dipendenza dagli agenti chimici. La coltivazione idroponica verticale è particolarmente adatta per le erbe aromatiche, le fragole e le piante a foglia verde;
  • orto verticale idroponico: è un sistema di coltivazione fuori suolo che si sviluppa in altezza, sfruttando lo spazio in verticale e facendo crescere le piante su piani sovrapposti. Gli orti verticali idroponici sono particolarmente adatti per gli spazi urbani limitati, come balconi e terrazze;
  • vasca idroponica: questo metodo prevede che le radici delle piante vengano immerse in una vasca in cui è presente la soluzione nutritiva. Le piante ricevono l’ossigeno necessario attraverso l’utilizzo di pompe o diffusori, che consentono il corretto assorbimento dei nutrienti direttamente dall’acqua. La vasca idroponica è ideale per coltivare piante a radice lunga, come lattuga e pomodori, ma anche rucola e basilico, ovvero quei vegetali il cui ciclo di coltivazione è breve ed il loro consumo è limitato alla parte verde delle foglie e del fusto e non dei frutti (ortaggi da foglia per la quarta gamma, ad esempio, con il sistema “floating” ovvero dei contenitori alveolari a vassoio che galleggiano sulla vasca contenente la soluzione nutritiva).

Questi sono solo alcuni degli approcci più comuni alla coltivazione idroponica. Gli investimenti in ricerca e sviluppo stanno aprendo le porte a nuove varianti e sistemi studiati per adattarsi alle esigenze specifiche di colture e ambienti diversi.

Come coltivare in idroponica

Per praticare la coltivazione idroponica in modo efficace è necessario avere a disposizione attrezzi specifici, tra cui:

  • vasi per idroponica: possono variare per forma e dimensione ma sono caratterizzati da un sistema di drenaggio che consente il deflusso dell’acqua in eccesso e favorisce una corretta aerazione delle radici;
  • vasetti serra per idroponica: sono piccoli contenitori utili per la germinazione e lo sviluppo iniziale delle piantine. Sono generalmente dotati di una valvola che serve a regolare e a mantenere costante il tasso di umidità;
  • torre idroponica: le torri idroponiche sono strutture verticali che consentono di coltivare piante in un’area limitata. Sono costituite da più livelli sovrapposti, ognuno dei quali ospita le radici delle piante e fornisce loro la soluzione nutritiva necessaria per la crescita;
  • vasche idroponiche: sono vasche che ospitano in maniera galleggiante dei contenitori alveolari in polistirolo, utilizzati per coltivare più piante contemporaneamente. Le vasche sono dotate di un sistema di circolazione dell’acqua che permette alle radici di assorbire i nutrienti necessari per la crescita delle piante.

Oltre ai contenitori e alle strutture, è necessario disporre di altre attrezzature per la coltivazione idroponica, come pompe per l’ossigenazione dell’acqua, sistemi di illuminazione artificiale per fornire la giusta luce alle piante, misuratori di pH e di conduttività dell’acqua per monitorare e regolare la qualità della soluzione nutritiva, nonché timer per controllare il ciclo di irrigazione e di illuminazione.

Coltivazione idroponica: quali piante?

Le piante che si prestano alla coltivazione idroponica sono numerose, da quelle decorative all’ortofrutta. Cosa coltivare in idroponica? Lattuga, spinaci, pomodori, valeriana, sedano, rucola, maggiorana, menta, basilico, prezzemolo e origano sono solo alcune delle varietà vegetali che regalano grandi soddisfazioni coltivate fuori da suolo.

L’agricoltura idroponica presenta una serie di vantaggi e svantaggi che è importante considerare prima di cimentarsi con questo sistema di coltivazione. I vantaggi principali sono legati alla possibilità di:

  • coltivare ovunque, anche lì dove non ci sono un terreno o un clima adatti per far crescere determinate piante;
  • fare crescere le piante in un ambiente controllato e altamente efficiente;
  • migliorare la produzione in termini quantitativi;
  • utilizzare lo spazio in modo più efficiente, adottando tecniche di coltivazione verticali;
  • coltivare in modo più pulito, grazie all’assenza di terreno;
  • risparmiare acqua;
  • limitare il rischio di malattie all’apparato radicale delle piante.

Tra gli svantaggi, invece, è possibile menzionare:

  • complessità operativa: la coltivazione idroponica richiede una conoscenza tecnica più approfondita rispetto alla coltivazione tradizionale. È necessaria, per esempio, una conoscenza approfondita delle piante che si desidera coltivare e delle loro esigenze di elementi nutritivi, che vanno completamente somministrati alla radice della pianta attraverso l’acqua;
  • necessità di un maggiore controllo: poiché le piante non sono radicate nel suolo, la coltivazione idroponica richiede una vigilanza costante per monitorare i livelli di pH, nutrienti, ossigeno, temperatura e irrigazione;
  • costi iniziali più elevati rispetto alla coltivazione tradizionale: l’installazione di un sistema idroponico, che prevede l’acquisto di attrezzature specializzate, sistemi di illuminazione, pompe e soluzioni nutritive,  richiede un investimento iniziale significativo.

Quali sono i costi della coltivazione idroponica in Italia? Per avviare una coltivazione idroponica con un impianto base, il costo iniziale può aggirarsi intorno ai 500 euro. Gli impianti più articolati e complessi, invece, hanno un costo che oscilla tra i 1.000 e i 2.000 euro. Naturalmente, molto dipende dagli accessori, dagli strumenti e dai prodotti che compongono il sistema.
Sei alla ricerca dei migliori vasi per idroponica? Pasquini & Bini offre un’ampia selezione di contenitori, tra cui spiccano i vasi anti-spiralizzazione, appositamente studiati per garantire un’ottima ossigenazione dell’apparato radicale e un adeguato ricambio idrico e nutrizionale, indispensabili per far crescere sane e rigogliose le tue piante; questo,attraverso la presenza di una parete del vaso non liscia ma dotata di opportune linee per creare discontinuità sulla superficie della parete, di una forma inferiore del vaso con piedini che garantiscono il distacco della parte contenente il substrato e l’apparato radicale della pianta dalla superficie di appoggio e una gamma di modelli con un numero variabile di fori, ognuno messo a punto con l’esperienza di Pasquini & Bini per rispondere alle esigenze dei coltivatori e per abbattere il rischio di fenomeni di ristagno idrico.

Ultime novità
Fioriere in resina

15 Aprile 2024 | Consigli

Fioriere in resina: sostenibilità e stile

Fioriere in resina: la sintesi perfetta tra sostenibilità e stile per il giardino Le fioriere in resina rappresentano una scelta…

Leggi tutto

8 Agosto 2022 | Nuovi prodotti

MARTE E DIAMANTE: I GIOIELLI PER LE VOSTRE PIANTE

Nel 2016 la Pasquini & Bini, in collaborazione con il Design Campus dell’Università degli studi di Firenze, ha promosso un…

Leggi tutto

Vasi da giardinaggio

22 Aprile 2024 | Consigli

Vasi da giardinaggio: eleganza e praticità per il verde

Se c’è un elemento che può trasformare un semplice spazio verde in un’oasi di bellezza e funzionalità, sono i vasi…

Leggi tutto

MacFrut 2024

12 Aprile 2024 | Approfondimenti

Macfrut 2024: la fiera di riferimento per il settore dell’ortofrutticoltura

Macfrut 2024: scopri le Ultime Frontiere della Coltivazione Fuori Suolo e l’Impatto Rivoluzionario dei Vasi Infinity di Pasquini & Bini…

Leggi tutto